LE FATTURE DI ACCONTO NELLE OPERAZIONI TRANSFRONTALIERE

Martedì 30 Luglio 2019 04:34 amministratore
Stampa

INTRODUZIONE

Le operazioni con l' estero comportano spesso l' incasso di acconti relativi a cessioni all’esportazione anteriormente al trasporto/spedizione all’estero dei beni oggetto di cessione, per esempio all’atto dell’ordine di acquisto.

Tali pagamenti NON sono immediatamente collegati con l’operazione di esportazione. Per questo motivo, ai fini IVA, può sorgere il dubbio che tali acconti, eventualmente di importo pari all’intero corrispettivo pattuito, debbano essere assoggettati ad imposta, ma così non è.

L’Amministrazione finanziaria con la R.M. 18 aprile 1975, n. 525446, confermata dalla R.M. 7 settembre 1998, n. 125/E e, da ultimo, dalla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate 1° dicembre 2008, n. 456) ha  ritenuto che i suddetti acconti NON siano soggetti ad IVA.

Tali fonti citate affermano che la riscossione di un acconto, al pari del successivo ed eventuale conguaglio di prezzo, sono da considerare giuridicamente e direttamente dipendenti da un unico contratto avente per oggetto la cessioni di beni all’esportazione. Percui tali acconti risultano essere NON imponibili ai sensi dell’art. 8, comma 1, del D.P.R. n. 633/1972 anche quando l’invio dei beni al di fuori del territorio comunitario avvenga dopo il passaggio di proprietà e l’emissione della fattura d’acconto.

Inoltre nel caso di pagamento anticipato del prezzo, totale o parziale, occorre stabilire se sia necessario emettere una seconda fattura al momento dell’esportazione dei beni.

PER LE OPERAZIONI EXTRACOMUNITARIE. COLLEGAMENTO CON LA DOCUMENTAZIONE DOGANALE

La questione è rilevante in quanto la seconda fattura, che documenta l’intero corrispettivo della merce esportata, deve essere necessariamente emessa per poter effettuare le procedure doganali di esportazione, con la conseguenza che, ove si riconosca l’obbligo di registrare, ai sensi dell’art. 23 del D.P.R. n. 633/1972, anche tale fattura, si duplicherebbe il volume d’affari relativo alla cessione all’esportazione posta in essere.

La procedura che il cedente nazionale deve applicare si articola nelle seguenti formalità:

La fattura riepilogativa deve essere annotata, comunque, ai sensi del citato art. 23 del D.P.R. n. 633/1972 e concorre alla determinazione del volume d’affari limitatamente all’eventuale saldo del corrispettivo, mentre non concorre alla determinazione dello stesso, trovando annotazione in separata colonna del registro appositamente contrassegnata, nel caso in cui, essendo stato già fatturato l’intero corrispettivo, la fattura in parola assolva l’unica funzione di documentazione dell’operazione ai fini dell’espletamento delle formalità doganali.

PER LE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

Passando ad esaminare gli acconti pagati in relazione alle operazioni intracomunitarie, innanzi tutto, l’art. 1, comma 326, lett. b), della L. n. 228/2012 (Legge di Stabilità 2013), al fine di evitare il disallineamento temporale tra Stato membro di partenza e Stato membro di arrivo, ha modificato l’art. 39, comma 1, del D.L. n. 331/1993 unificando il momento di effettuazione delle operazioni di acquisto e di cessione intracomunitarie, che dal 1° gennaio 2013 coincide con il momento dell’inizio del trasporto/spedizione dei beni al cessionario o a terzi per suo conto.

A seguito, inoltre, delle modifiche apportate all’art. 39, comma 2, del D.L. n. 331/1993, dal 2013, non sono più rilevanti, al fine dell’individuazione del momento di effettuazione degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie, gli acconti versati per tali operazioni. Non è, pertanto, obbligatorio fatturare parzialmente l’operazione che resta vincolata alla sua effettiva esecuzione, in conformità con l’art. 220, par. 1, punto 4), della Direttiva n. 2006/112/CE.

Tuttavia, il novellato secondo comma dell’art. 39 stabilisce che, se prima del trasferimento del bene al cessionario viene emessa fattura dal cedente, l’operazione si considera effettuata nei limiti dell’importo fatturato; sicché, di fatto, è possibile dare rilevanza agli effetti dell’IVA agli acconti incassati emettendo, facoltativamente, fattura in regime di non imponibilità di cui all’art. 41 del D.L. n. 331/1993.

Comments

Name *
Email (For verification & Replies)
URL
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Submit Comment
Ultimo aggiornamento Martedì 30 Luglio 2019 04:50